Cybersecurity post COVID-19, l'impreparazione è un rischio

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAGCOM: Cartesio contro le fake news
  • SuccessivoDigital Transformation: velocità e skill per restare competitivi
Cybersecurity post COVID-19, l'impreparazione è un rischio

Il report "Impact of COVID-19 on cybersecurity" della security house Bitdefender è il risultato di una ricerca condotta intervistando quasi 7 mila operatori della Cybersecurity di Gran Bretagna, USA, Australia, Nuova Zelanda, Germania, Francia, Spagna, Danimarca, Svezia e Italia con lo scopo di capire quale sia lo stato delle aziende in termini di sicurezza informatica dopo (e in alcuni casi durante) l'emergenza Coronavirus (Sars-Cov-2).

Il dato italiano è purtroppo uno dei peggiori, con circa la metà delle imprese contattate che avrebbe ammesso una sostanziale impreparazione di fronte a un momento storico come quello attuale in cui gli utenti malintenzionati si sarebbero organizzati per sferrare i propri attacchi approfittando del clima di generale confusione e dello spostamento di molti lavoratori in smart working.

Continua dopo la pubblicità...

Questo stato di cose si starebbe manifestando in un periodo in cui l'Italia avrebbe registrato un incremento pari al 28% dei tentativi di violazione basati sul phishing, al 23% per quanto riguarda i ransomware, al 19% relativamente alle minacce derivanti dai chatbot animati tramite social media e al 27% in riferimento alla circolazione di trojan.

Nel 79% dei casi professionisti dell'IT intervistati avrebbero confermato l'intenzione di effettuare degli interventi migliorativi nel lungo periodo, ma da una parte si starebbe assistendo a un aumento consistente delle attività malevole, basti pensare ad una crescita del 34% degli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), dall'altra il personale sarebbe generalmente poco formato in tema di Cybersecurity.

A tal proposito, lo studio rivelerebbe che nel 30% dei casi i dipendenti non sarebbero particolarmente attenti ai protocolli di sicurezza, mentre il 34% degli esperti di Cybersecurity sarebbe preoccupato del fatto che le numerose preoccupazioni derivanti dagli effetti della pandemia possano portare i lavoratori a sottovalutare l'importanza degli aspetti legati alla protezione di dati e sistemi.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.