Una gara per i 45 milioni di WiFi.Italia.it

Una gara per i 45 milioni di WiFi.Italia.it

Il MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha deciso di assegnare a Infratel Italia l'incarico di seguire il progetto WiFi.Italia.it, un piano che prevede lo stanziamento di ben 45 milioni di euro per la creazione di una rete Wifi pubblica a livello nazionale che permetterà a qualsiasi utente italiano dotato di un device mobile di navigare nel comune in cui si trova.

A tal proposito Salvatore Lombardo, Direttore Generale di Infratel Italia, avrebbe chiarito che per il momento non sarebbe stato aggiudicato alcun appalto. Le risorse disponibili saranno destinate agli appaltatori attraverso una gara ad hoc che si svolgerà nel prossimo futuro. Tali precisazioni si sarebbero rivelate necessarie per smentire le voci contrarie circolate in seguito ad una recente interrogazione parlamentare.

Continua dopo la pubblicità...

Attualmente infatti le uniche assegnazioni regolarmente operate ammonterebbero ad 8 milioni di euro, si tratterebbe però della dotazione iniziale per il progetto avente Tim come operatore di riferimento. Questa cifra non andrebbe sottratta ai già citati 45 milioni che potranno essere assegnati soltanto dopo il bando ad oggi ancora in fase di definizione.

I comuni già aderenti al progetto sarebbero stati contati in 1.663 unità, 350 dei quali avrebbero già completato l'iter richiesto per l'accesso all'infrastruttura nazionale. Un traguardo importante se si considera che inizialmente il piano doveva coinvolgere soltanto i 140 comuni coinvolti nel tragico terremoto che colpì il Centro Italia nel 2016.

Se tutto dovesse andare per il meglio WiFi.Italia.it dovrebbe rientrare nel quadro del più esteso Wifi4Eu di cui rappresenta a tutti gli effetti un complemento. Per raggiungere tale obbiettivo la dotazione già stanziata potrebbe essere ulteriormente integrata facendo ricorso anche agli stanziamenti che le regioni vorranno mettere a disposizione.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.