Microsoft: 500 brevetti per le startup

Microsoft: 500 brevetti per le startup

La compagnia capitanata da Satya Nadella ha deciso di mettere a disposizione delle nuove imprese innovative ben 500 brevetti relativi a registrazioni effettuate in diversi Paesi (Stati Uniti, Europa, Asia..). Per poterli utilizzare le startup dovranno presentare i requisiti richiesti per l'ingresso nel LOT Network, un gruppo di aziende che condividono tecnologie per favorire crescita e collaborazioni.

Attualmente il LOT Network, appositamente costituito nel 2014 per combattere il dilagante fenomeno del patente trolling, raccoglie al suo interno più di 400 brand, tra di essi anche alcuni nomi universalmente noti come per esempio Netflix, SAP, Amazon, Google, Facebook, Uber e, natualmente, anche quello della Casa di Redmond.

Una startup che dovesse entrare a far parte del LOT Network avrà il vantaggio di attingere liberamente ad una vasta selezione di brevetti senza alcun timore di eventuali ripercussioni legali da parte dei loro detentori. Per un'attività di recente costituzione l'accesso alle tecnologie rappresenta infatti uno dei colli di bottiglia in grado di ostacolarne il successo.

Microsoft ha poi deciso di estendere il programma Azure IP Advantage che consente alle startup di accedere ad un massimo di tre brevetti relativi ad un catalogo differente, l'iniziativa è rivolta in particolare alle imprese che operano nello sviluppo di soluzioni software e hardware dedicate agli oggetti connessi (IoT, Internet of Things).

Continua dopo la pubblicità...

Per poter approfittare di questa opportunità si dovrà essere utenti Azure con una spesa di almeno mille dollari al mese e per non meno di un trimestre consecutivo, in secondo luogo viene richiesto di non essere stati al centro di cause legali inerenti i brevetti con altre aziende che utilizzano il Cloud di Redmond nel biennio procedente la richiesta di accesso ai brevetti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.