Yahoo! pensa al futuro (ma la trimestrale è deludente)

Yahoo! pensa al futuro (ma la trimestrale è deludente)

Il gruppo capitanato dalla CEO Marissa Mayer ha recentemente presentato la sua prima trimestrale d'esercizio dell'anno corrente; i risultati ottenuti da Yahoo! nel corso del quarto considerato non sarebbero stati del tutto negativi, anzi, ma risulterebbero comunque inferiori rispetto alle previsioni formulate nei mesi scorsi dagli analisti finanziari.

Nello specifico la compagnia californiana avrebbe registrato un incremento dell'8% in termini di fatturato rispetto allo stesso periodo del 2014 e del 2% rispetto al precedente trimestre; a determinare tale crescita sarebbero stati un più 2% del fatturato derivante dal display advertising e di un aumento del 20% a favore della divisione ricerche online.

Continua dopo la pubblicità...

Impossibile negare che il miglior andamento di Sunnyvale nel mercato delle query sia dovuto in buona parte agli accordi intrapresi con la Fondazione Mozilla, Yahoo! è infatti divenuto il motore di ricerca predefinito del browser Open Source Firefox dopo la fine dell'accordo che aveva visto Google occupare la stessa posizione per anni.

Nel complesso il fatturato della società nel corso del trimestre analizzato sarebbe stato pari a circa 1.2 miliardi di dollari, un risultato conseguito anche grazie agli accordi commerciali in essere con la Casa di Redmond; a testimoniare la buona riuscita di tale partnership vi sarebbe un incremento di 61 punti percentuali del fatturato da mobile advertising in 12 mesi.

A pesare sulle casse di Yahoo! sarebbero però le spese ritenute troppo ingenti dagli azionisti; fino alla fine dello scorso anno il gruppo aveva limitato gli investimenti in risorse esterne proprio per evitare ammanchi di bilancio, ma con la separazione dall'e-commerce di Alibaba già in previsione ricorrere nuovamente allo "shopping" sarebbero divenuto necessario.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.