Mozilla sceglie Google (e Yahoo! la denuncia)

Mozilla sceglie Google (e Yahoo! la denuncia)

Gli utilizzatori statunitensi del browser di Mozilla hanno scoperto che dopo l'aggiornamento alla versione "Quantum" il motore di ricerca predefinito di Firefox non è più quello di Yahoo! ma Google. Questo cambiamento è stato osservato anche dai vertici di Sunnyvale che, non avendo gradito la novità, hanno deciso di trascinare la Fondazione in tribunale.

Tra Mozilla e Yahoo! era infatti in vigore un accordo secondo il quale Firefox avrebbe dovuto mantenere il motore di ricerca della compagnia californiana come opzione predefinita per almeno 5 anni. Dato che i contratti sono stati firmati nel corso del 2014, Mozilla non avrebbe ottemperato agli obblighi previsti, ignorando di fatto la scadenza stabilita per il 2019.

Continua dopo la pubblicità...

Da parte loro i responsabili di Mozilla avrebbero sostenuto che gli accordi non potrebbero essere considerati ancora validi perché sarebbero venute a mancare alcune condizioni necessarie; il riferimento è chiaramente rivolto all'acquisizione di Yahoo! da parte di Verizon che l'ha inglobata insieme ad AOL all'inteno del conglomerato Oath.

Dopo il passaggio di proprietà Mozilla avrebbe richiesto dei chiarimenti riguardo a come sarebbe stato gestito il motore di ricerca di Yahoo! in seguito alla cessione, temendo cambiamenti che avrebbero potuto pregiudicare la qualità dei risultati e influenzare negativamente la quota di mercato di Firefox si sarebbe deciso di passare a Google.

Da notare che, stando alle notizie attualmente disponibili, Mozilla avrebbe comunque richiesto a Yahoo! i 375 milioni di dollari stabiliti per la sua permanenza come opzione di default su Firefox fino al 2019. In mancanza di un nuovo accordo dovrà essere il giudice a decidere quale delle due parti ha violato le clausole previste dalla loro collaborazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.