Android 8 si chiamerà "Oreo"?

Android 8 si chiamerà "Oreo"?

Come è noto, tutte le versioni del sistema operativo mobile di Mountain View sono state associate al nome di un alimento dall'alto contenuto di zuccheri e, secondo indiscrezioni, Android 8 potrebbe essere lanciato con il codename di "Oreo", il noto "sandwich cookie" formato da due wafer di cioccolato separati da uno strato di crema al latte.

A dare vita a questa ipotesi sarebbe stato Hiroshi Lockheimer, vice presidente della divisione che si occupa di implementare Android, Chrome OS e Play in Google, il quale ha recentemente pubblicato sul suo profilo Twitter l'immagine di una torta realizzata con gli Oreo. Il post non presenta altri dettagli e sembrerebbe stato confezionato appositamente per suscitare la curiosità della community.

Per il momento non sarebbero disponibili ulteriori conferme in merito, ma è probabile che il dirigente di Big G abbia voluto giocare d'anticipo in vista del Mobile World Congress di Barcellona, evento durante il quale l'azienda californiana potrebbe mostrare al mondo un'anteprima della sua piattaforma più recente.

Quindi, dopo Cupcake, Donut, Éclair, Froyo, Gingerbread, Honeycomb, Ice Cream Sandwich, Jelly Bean, KitKat, Lollipop, Mashmallow e Nougat, questa volta potrebbe essere il turno di "Oreo", un aggiornamento che con tutta probabilità verrà installato nell nuove versioni dei dispositivi appartenenti alla linea Pixel (erede di "Nexus").

Continua dopo la pubblicità...

"Oreo" è però un marchio proprietario sottoposto a tutela commerciale, per utilizzarlo Google dovrebbe trovare un accordo con la Nabisco, esattamente come avvenne con la Neslè per il nome in codice "KitKat"; non sempre ciò sarebbe stato possibile, come per esempio con "Nougat" che, secondo alcuni, in origine avrebbe dovuto chiamarsi "Nutella".

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.